Il sito/blog del WWF Litorale Pontino compie sei mesi di vita

Il 6 agosto 2012 il sito/blog del WWF L P compie sei mesi

In questi primi sei mesi il sito ha avuto 6.369 visite.

Il massimo di visite giornaliere (303) si è verificato il 20 marzo quando c’è stata una virulenta reazione al post contro il fuoristradismo in luoghi naturali come spiagge e sentieri.

Questi sono stati i temi più cliccati:

territorio 122
patrimonio culturale 70
rifiuti 42
acque 39
inquinamento 38
biodiversità 36
sostenibilità 36
parchi 35
mare 33
iniziative WWF Italia 9

ILVA di Taranto: il sequestro dopo 20 anni di inerzia

Ora si stringa un patto di ferro contro inquinamento e per la riconversione industriale

Dopo il recentissimo sequestro dello stabilimento dell’ILVA di Taranto non si ricada nell’errore di separare la questione ambientale dalla questione occupazionale, pensando che le soluzioni possano essere disgiunte, ricorda il WWF Italia, e si stringa un patto di ferro che da una parte diminuisca l’inquinamento e  parallelamente porti avanti la riconversione industriale.

La magistratura, venti anni dopo l’inizio del caso,  con il sequestro ha attuato un atto dovuto  dopo lunghissime indagini e perizie. Certamente tutto ciò doveva arrivare ben prima, visto che l’area industriale dell’ILVA è stata dichiarata prima sito a alto rischio ambientale e poi sito di bonifica di interesse nazionale senza che, prima di tutto la proprietà, avviasse un processo di risanamento e riconversione industriale.

Il ricatto occupazionale per troppi anni ha avuto la meglio sull’impatto ambientale che è ricaduto sulla città. Come richiesto dal WWF in precedenza, meglio sarebbe stato se l’autorizzazione unica ambientale rilasciata congiuntamente da molti enti, tra cui il Ministero dell’Ambiente e la Regione Puglia, fosse stata data chiedendo in via preventiva interventi di riduzione degli impatti.

Oggi la strada si fa più difficile e inevitabilmente occorre oggi garantire l’aspetto sociale e quindi l’occupazione purchè si abbia l’assoluta certezza che sin da subito si pongano in essere procedure e misure per diminuire emissioni e carichi inquinanti, purchè si riprenda con forza il tema della riconversione dello stabilimento che in assenza di alternative ha purtroppo il destino segnato nell’ambito di un mercato globale.

Su queste vicende sempre alta è stata l’attenzione del WWF, che aveva depositato un ricorso avverso l’Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata dal Ministero dell’Ambiente a favore dello stabilimento tarantino, ritenendolo carente degli strumenti burocratici, tecnici e tecnologici idonei a garantire l’ambiente e quindi la salute dei cittadini. Nel pieno rispetto dei principi di precauzione, integrazione ambientale e dell’utilizzo delle migliori tecnologie disponibili, il WWF ha sempre richiesto un concreto abbattimento delle emissioni prodotte dalle cokerie tarantine, un campionamento continuo e “a monte” della produzione di diossina, nonché ulteriori, più incisive, prescrizioni a tutela della salubrità ambientale della città di Taranto e della regione tutta.

Recentemente il WWF si è costituito parte offesa al processo per all’inquinamento generato dagli impianti ILVA, incaricando l’avvocato Francesco Di Lauro per la difesa legale.

Venerdì 3 agosto 2012: terzo appuntamento di Ecosuoni a Terracina

SECONDA EDIZIONE ECOSUONI 2012

RASSEGNA DI SEMINARI, CONCERTI E APERITIVI

 

Prosegue con successo la manifestazione Ecosuoni. Nata dalla collaborazione tra l’associazione Canto di Eea e l’associazione WWF Litorale Pontino, promuove seminari aventi per oggetto le principali tematiche culturali e ambientali provinciali, concerti eseguiti da musicisti di livello internazionale e momenti conviviali grazie ad un gradevole aperitivo.

Terzo appuntamento per la Rassegna Ecosuoni 2012, venerdì 3 agosto alle ore 20.15 presso Il PARCO DELLA RIMEMBRANZA in via San Francesco Nuova 42 bis, a Terracina.

L’offerta musicale del terzo incontro è affidata ai componenti del Canto di Eea: Caterina Bono al violino, Francesca Meli alla chitarra, Indiana Raffaelli al contrabbasso che eseguiranno un concerto dal titolo “Echi Antichi”

Il seminario, coordinato dal prof. Emilio Selvaggi, dal titolo La Via Francigena del sud nell’itinerario medioevale che attraversava Terracina”, anticiperà il concerto e sarà a cura del Gruppo dei Dodici.

 

 

 

 

 

 

 

 

L’ensemble Canto Di Eea, in assonanza con il seminario sugli itinerari del passato, propone un concerto dal titolo “Echi Antichi”, verranno proposti musiche medievali, danze rinascimentali riadattate per strumenti moderni dalle musiciste stesse   e brani di J.S.Bach, G.F.Haendel e N.Paganini.

Il gruppo ha al suo attivo diverse partecipazioni: convegno“L’Industria Pe(n)sante”2011 presso la facoltà di architettura di Roma 3 con registrazione in diretta streaming; rassegna“Domenica di Carta 2010”presso la Biblioteca Nazionale di Roma; la Stagione da camera 2009 dell’Arts Academy di Roma; “Piemonte in musica” 2009 presso Palazzo Taffini di Savigliano (Cn); il festival di musica contemporanea “Invenzioni 2008” in collaborazione con il Freon Ensemble presso la sala concerti SMPT; “Villa Bonelli in Musica” 2007 (RM); i Concerti del Conservatorio presso la sala Accademica del Conservatorio di Roma; la stagione di musica da camera“Musica  e Musica 2007” presso la SPMT di Roma.

L’ingresso prevede un contributo simbolico di 7 euro per gli adulti e di 3 euro per i ragazzi dai 13 ai 18 anni.