Tanti nidi di tartaruga sulle coste laziali, ma perché?

I nidi di tartaruga caretta caretta sulle coste del Lazio sono aumentati negli ultimi anni toccando il record proprio nel 2021 e se da un lato siamo felici per aver potuto assistere alla nascita di questi fantastici animali dobbiamo chiederci anche il perchè visto che non era mai accaduto prima.

Non è tutto oro quello che luccica!

La motivazione sempre più plausibile è quella legata all’aumento delle temperature come spiegato in questo articolo dagli esperti di Tarta Lazio e del WWF.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/10/04/tartarughe-marine-in-un-anno-quasi-raddoppiati-i-nidi-nel-lazio-fenomeno-legato-allaumento-delle-temperature-segnale-allarmante/6336250/

La “movida” al Parco della Rimembranza

Se per il Covid Terracina ha visto meno turisti, in compenso è diventata meta preferita di molte specie animali. A cominciare dalle tartarughe marine di cui ben tre nidi sulla diecina in tutto il Lazio, hanno animato in maniera alternativa e sostenibile le nottate terracinesi di questa lunga estate!

Un pò più sommessamente e discretamente nella tranquillità del Parco della Rimembranza ci sono state altre nascite!

Già a fine primavera due piccoli tassi sono stati avvistati abbuffarsi di carrube con la loro madre ed ora un bell’istricetto si aggira nel Parco in compagnia di entrambi i premurosi genitori! Il tasso si tiene alla larga anche se potrebbe predarlo, ma madre e padre istrici non lo permetterebbero mai e quindi il tasso continua a preferire le carrube e ultimamente anche i fichi d’india.

La coppia di istrici è molto affiatata, è noto che gli istrici siano monogami e che prendano entrambi cura del proprio cucciolo dentro e fuori la tana.

Elisabeth Selvaggi