A Scientifiqua 2016 del Liceo di Terracina il contributo del WWF sui cambiamenti climatici

 

IMG_5410Oggi al Liceo Leonardo da Vinci di Terracina la rassegna sulla cultura scientifica 2016 Scientifiqua ha avuto al centro i cambiamenti climatici e l’accordo COP21 di Parigi.

 

A parlare dell’attualissimo tema è stato chiamato il dottor Domenico Gaudioso dell’ISPRA, membro del Comitato tecnico scientifico del WWF Italia e nel passato presidente del WWF Lazio.

IMG_5407Il dottor Gaudioso ha presentato l’accordo di Parigi illustrando gli obiettivi e i risultati con gli impegni per gli Stati che in aprile lo hanno sottoscritto per contenere l’aumento della temperatura del pianeta sotto i 2 °C.

IMG_5404

 

Di fronte alle classi quinte dell’Istituto Gaudioso  ha presentato gli impatti dei cambiamenti climatici sulle attività umane.

 

uno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ passato poi ad analizzare gli impatti dei cambiamenti climatici sull’Europa e sull’Italia.

 

due

tre

 

 

 

 

Gaudioso ha invitato gli studenti a ritenersi coinvolti personalmente in una strategia di contrasto ai cambiamenti climatici con la riduzione drastica dell’uso delle fonti energetiche fossili responsabili dell’aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera. Ha rinforzato tale argomento presentando la parte dell’accordo di Parigi riservata agli Enti locali che in Italia è stata assegnata al Patto dei sindaci. 

quattrocinque

 

 

 

 

La lotta ai cambiamenti climatici inizia qui con attività di contenimento dei consumi energetici e i sindaci sono chiamati ad organizzare la vita sociale dei cittadini in linea con i principi che gli Stati hanno sottoscritto. 

Annunci

Dopo l’offshore e l’air show aspettiamo la prossima grande idea sulla strada della sostenibilità ambientale

IMG_5383

 
Tra rombi d’aerei e fumo acre la Giornata delle oasi WWF a Terracina è trascorsa come da programma annunciato.

IMG_5382

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La mattina il parco della Rimembranza ha visto i suoi sentieri percorsi oltre che da visitatori singoli da una visita guidata condotta da Pino Forlenza che ha illustrato agli ospiti, in gran parte turisti, la ricchezza botanica del sito.

Nel pomeriggio, alla fine dell’air show che ha messo a dura prova volatili e animali domestici con il rumore e i cittadini oltre che con alcune autentiche deflagrazioni dei motori degli aerei con i fumi che un vento spingeva verso la parte alta della città si è  svolta la conversazione di Emilio Selvaggi.

 

IMG_5390

Diradati i fumi e riottenuto il classico sottofondo di una città  normale il professore da tempo affascinato dal binomio “memoria e storia” dopo aver introdotto ad un pubblico attento alcuni elementi della storia terracinese ha parlato di modi di dire dialettali. Ha allargato la conversazione illustrando anche temi richiesti dal pubblico.

 

Domenica 29 maggio 2016 Giornata delle Oasi WWF, a Terracina apertura straordinaria della Rimembranza

giornataoasi2016

GIORNATA OASI WWF – 29 MAGGIO 2016

“IL VALORE DELLA NATURA”

 

 

 

 

Avere cura della natura significa non solo preservarne la sua bellezza, ma anche garantire a tutti noi il vero benessere.

Circa 100 Oasi WWF sul territorio nazionale.

La Giornata delle Oasi nel Lazio; qui in video.

A Terracina i volontari del WWF terranno aperto il parco della Rimembranza con il programma seguente:

Apertura mattina ore 10-13

ore 11.30 visita guidata condotta da Pino Forlenza

Apertura pomeriggio ore 16-19

ore 18 “Rimembranze taracinesi” conversazione di Emilio Selvaggi

Come sempre, l’ingresso al parco è libero.

 

Dopo il team building operativo il concorso fotografico, la Janssen ritorna alla Rimembranza di Terracina

Il 26 giugno dell’anno scorso la Janssen di Latina al completo venne alla Rimembranza per una giornata di lavoro volontario.

Il team building seguendo le indicazioni dei volontari del parco costruì tavoli di legno, sistemò un tratto del sentiero alto e tinteggiò tutte le panchine e parte della staccionata fino all’esaurimento della vernice.

SAM_5711

 

Una foto ricorda la conclusione della giornata molto apprezzata dai volontari del WWF locale.

 

 

 

Quest’anno la Janssen ha scelto di nuovo la Rimembranza per una uscita di gruppo aziendale con l’obiettivo  di utilizzare il parco come luogo eccellente per un caccia fotografica.

Il gruppo costituito da venti persone sarà a Terracina per l’intera mattinata di venerdì 27 maggio.

Festival dei Cammini – Festival europeo Via Francigena 2016

INVITO_31_MAGGIO

 

Martedì 31 maggio alle ore 10.30 a Roma sarà presentato il Festival dei Cammini-Festival della Via Francigena.

 

 

 

L’iniziativa promossa dall’associazione Promozione Civita si terrà a Roma in Piazza Venezia n.11 nella Sala Gianfranco Imperatori.

Alla presentazione interverrà anche Alberto Alberti in rappresentanza del Gruppo dei Dodici che da un decennio dopo aver individuato un percorso lungo l’Appia accompagna camminatori sulla via Francigena del sud.

Informazioni sul Gruppo dei Dodici:

Segreteria Associazione Gruppo dei Dodici
Sede legale: Via Morosini, 14A 00153 Roma C.F. 97504640588 C.C. Postale 90616699

info@romaefrancigena.eu – twitter.com/gruppodeidodici – fb Gruppo dei Dodici

Tel. +39 349-1648614 – +39 331-8032067

Erosione, vogliamo parlarne?

 

images (1)L’erosione in atto sulle coste italiane è causata da fenomeni planetari ai quali si aggiungono interventi locali come l’estrazione di sabbia dai fiumi, la costruzione di moli foranei, la cementificazione della costa fino alle spiaggia,….

 

 

 

images

 

La lotta all’erosione diventa una battaglia di Sisifo se si interviene a posteriori, occorre prevenirla evitando di mettere le mani con interventi che la favoriscono su territori già in un equilibrio precario.

 

 

sabaudia

 

Oggi pomeriggio a Sabaudia alle ore 17.30 nella sala A.Mazzoni della Biblioteca Comunale di Sabaudia si terrà  una conferenza organizzata dal Comitato Spontaneo sulla Tutela Ambientale con un focus particolare sull’erosione provocata dall’ampliamento del porto di Anzio.

 

La conferenza avrà un relatore per ogni zona Pontina, coinvolgendo quindi tematiche locali collegate alle città di Latina, Sabaudia,San Felice Circeo e Terracina. Nell’occasione si allargherà la discussione anche ad altre questioni come rifiuti, pesticidi, amianto etc, scoperti negli ultimi giorni dai volontari dell’ Ass.ne “ATTIVA”.

Il WWF e quattro candidati a sindaco di Terracina, un incontro positivo

Giovedì 19 maggio si è tenuto l’incontro richiesto dal Gruppo LP del WWF Litorale laziale a tutti i candidati a sindaco del comune di Terracina per conoscere le loro posizioni sulle questioni ambientali di maggior rilevanza. Hanno accettato l’invito e per questo sono stati ringraziati Alessandro Di Tommaso, Fabrizio Ferraiuolo, Agostino Pernarella e Nicola Procaccini.

 

L’incontro inizialmente previsto nel parco della Rimembranza è stato spostato  per le condizioni meteo non favorevoli nella sala parrocchiale della Cattedrale.

 

 

 

Dopo l’introduzione di Franca Maragoni, presidente della O.A. WWF Litorale laziale, Patrizia Parisella, coordinatrice del Gruppo Litorale pontino, ha moderato gli interventi dei quattro candidati.

Fissato un tempo massimo entro cui articolare le risposte gli argomenti sottoposti alla discussione sono stati

1) Rifiuti, 2) Mobilità, 3)Parco della Rimembranza e Convento di S.Francesco, 4) Territorio, 5) Ciclo delle acque e mare, 6) Antenne, 7) Amianto.

Alla fine degli interventi sui diversi temi le due rappresentanti del WWF hanno illustrato di volta in volta la posizione dell’associazione, concordando o contrastando quelle espresse dai quattro candidati.

 

 

 

In estrema sintesi queste sono le posizioni emerse sui diversi temi

 

TABELLA

 

 

Revocata l’autorizzazione dell’antenna in via Jurmala a Terracina!

Un gesto di saggezza anche se sostenuto soltanto da considerazioni economiche.

Oggi il commissario straordinario Erminia Ocello con i poteri della Giunta ha revocato la precedente autorizzazione con la quale un gestore di telefonia mobile avrebbe potuto installare una nuova antenna in Via Jurmala.

Ora occorre andare all’aggiornamento del Piano di Riassetto Analitico delle Emissioni Elettromagnetiche (P.R.A.E.E.T.) prima ancora di quantificare il costo che un’azienda dovrà sostenere per poter installare sul territorio comunale altre antenne.

La salute prima di tutto.

Ecco la delibera di revoca    914165_20160518_015206_stampa

Il WWF esprime solidarietà al presidente Antoci del Parco dei Nebrodi

unnamed

COMUNICATO STAMPA DEL WWF ITALIA

 

 

PARCO NEBRODI: WWF, SOLIDARIETA’ AL PRESIDENTE ANTOCI

NATURA E CHI LA PRESERVA SONO NEL MIRINO DELLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA

“Al presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci va tutta la solidarietà e la vicinanza del WWF”. Lo dichiara la presidente del WWF Donatella Bianchi che aggiunge: “Quello di questa notte non è solo un vile attentato ma un attacco a chi ogni giorno attraverso l’arma della legalità difende la natura sempre più oggetto di appetiti criminali e mafiosi”.

“Questo attacco dimostra come proprio la natura e chi la preserva siano diventati uno degli obiettivi principali della criminalità organizzata: quello di questa notte è l’ennesimo atto di guerra che le istituzioni, a cominciare dal governo le associazioni e i cittadini devono respingere con forza – conclude la Bianchi -. I parchi nazionali e le aree protette che anche il WWF gestisce (e dove, anche di recente, ci sono stati gesti intimidatori) in molti casi sono l’ultimo presidio di legalità e sui quali bisogna ricominciare ad investire perché tagli e riduzioni di bilanci ne hanno messo a rischio la stessa sopravvivenza”.

Roma, 18 maggio 2016

Ufficio Stampa WWF Italia

Tel. 06-84497 213/266/332

340 9899147 – 329 8315725

TwitterFacebookYoutube

Sulle tracce del pet-coke dal porto di Gaeta al deposito di Sessa Aurunca

Il petroleum coke o come comunemente viene definito pet-coke, è un carbone artificiale ottenuto nell’industria petrolifera dal processo di condensazione per piroscissione di residui petroliferi pesanti e oleosi e contiene percentuali di zolfo notevolmente superiori a quelle prescritte per i combustibili utilizzati in raffineria.

Il pet-coke contiene una miscela di sostanze estremamente pericolose, come idrocarburi policiclici aromatici (IPA ), metalli pesanti (vanadio, nichelio), alto contenuto di zolfo (anche oltre il 7%) e cloro. Le sostanze contenute nel pet-coke, oltre ad una tossicità intrinseca, sono indicate anche come cancerogene e/o mutagene.

La prima proprietà provoca tumori di vario genere, la seconda, modificazioni genetiche, da cui le malformazioni nei nascituri.

Dall’agosto 1991 questo materiale, che non potrebbe essere assimilato ai rifiuti speciali come invece afferma l’Europa, viene scaricato dalle navi che lo trasportano nel porto commerciale di Gaeta e trasferito, attraversando due città, Gaeta e Formia, e seguendo la via Appia nel deposito di Sessa Aurunca in provincia di Caserta dove viene stoccato in un deposito della Interport s.a.s. semplicemente accumulato in “montagne”.

In particolare, nel territorio a cavallo tra le provincie di Latina e Caserta, la pericolosità di questo materiale inizia ancora prima che venga utilizzato come combustibile; le operazioni di scarico delle navi e carico dei mezzi di trasporto avvengono in qualsiasi condizione climatica e con modalità non rigorosamente protette, così parte del materiale viene disperso in mare e nell’aria; occorre ricordare che il porto si trova a ridosso della città e quindi tutto ciò che viene emesso in aria arriva molto spesso direttamente nelle case dei cittadini. Tra le sostanze presenti nel pet-coke c’è ad esempio il vanadio di cui il pentossido risulta il più pericoloso, soggetto al fenomeno del bioaccumulo e che può essere assorbito da granchi e mitili, e a Gaeta c’è un grosso allevamento di mitili. Inoltre le polveri che si disperdono con il vento vengono respirate esercitando, insieme a tutte le altre sostanze citate, il loro potere patogeno sul sistema respiratorio. Gli IPA, sostanze liposolubili sono anch’esse bioaccumulabili; insieme alla elevata tossicità, vantano anche una considerevole persistenza e stabilità termica. Ciò ne rende difficoltosa la completa combustione. I nitroderivati degli IPA sono particolarmente cancerogeni, si legano al DNA danneggiandolo; questo danno provoca delle mutazioni e, con le mutazioni, una maggiore probabilità di cancerogenesi. La presenza di cloro nel pet-coke, seppur bassa, la copresenza di aromatici policondensati (IPA) e metalli come ferro e rame che fungono da catalizzatori, sopra i 400 °C, sono condizioni favorevoli alla formazioni di diossine sostanze particolarmente pericolose.

 

Purtroppo anche il trasporto e il deposito avvengono senza il rispetto delle norme e in condizioni di mancata sicurezza per cui queste sostanze vengono disperse in atmosfera e lungo la strada andandosi poi a depositare nei corsi d’acqua che costeggiano la strada inquinandoli in maniera pesante e nei campi vicina ad essa.

 

 

L’inquinamento peggiore tuttavia avviene per dispersione dal deposito di Sessa Aurunca strutturato in modo assolutamente non idoneo e che permette al pet-coke di essere dilavato dalle acque meteoriche e dal vento; questo finisce così nei corsi d’acqua che costeggiano i campi e nel Garigliano fino al mare. Buona parte delle polveri si depositano sui terreni circostanti rendendo impossibile la coltivazione dei campi.

 

Già anni fa la nostra associazione, venuta a conoscenza della situazione, che in tanti anni è purtroppo rimasta immutata, intervenne con un esposto alla Procura della Repubblica; questo esposto è caduto nel vuoto insieme a tutti quelli inviati da altre associazioni ambientaliste e comitati di cittadini.

Il WWF Litorale laziale intende portare alla luce questa situazione e chiedere alle Istituzioni competenti di provvedere alla tutela ambientale come premessa indispensabile alla tutela della salute dei cittadini.