Venerdì alla Rimembranza omaggio alla memoria di Emilio Selvaggi

Venerdì 21 Luglio, alle ore 20,45, Terracina avrà di nuovo l’occasione di incontrare Emilio Selvaggi nel Parco della Rimembranza.

Occasioni come questa, condivise con amici, parenti, ex alunni e colleghi, semplici cittadini, ci fanno sentire ancora una volta la presenza intensa, forte, ben radicata di Emilio, proprio come una delle numerose piante del “suo giardino“che lui ha tanto curato ed amato.

E di un vero e proprio incontro si tratta, introdotto da uno degli storici coordinatori del WWF di Terracina,  Nello Leonardi, che condurrà il seminario “Emilio, il Mandorlo”.

E poi ci sarà la musica, una musica di storie, antiche e popolari, quelle che Emilio amava tanto e che nessuno come lui sapeva raccontare, affascinando grandi e piccoli, con le sue narrazioni, così suggestive, appassionate, colorate di vita e di ricordi.

A organizzare l’evento musicale, il concerto dal titolo “Appena arrivo chiedo la licenza” sarà “Ecosuoni” che nella rassegna estiva del 2017 ha voluto, con l’evento“Omaggio a Emilio Selvaggi”, ricordare con grande sensibilità, proprio nel Parco della Rimembranza, la sua seconda casa, un uomo molto amato, che continua ad essere fra noi.

 

Alla Rimembranza una iniziativa di economia circolare: Vintage sostenibile e solidale

“Il programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo ha rilevato che 800 milioni di occidentali su un totale di 7 miliardi di esseri umani presenti sulla Terra, per mantenere il proprio stile di vita usano l’80% delle risorse attuali della Terra… Davvero pensiamo di poter andare avanti così?”
                               (da “ Orfani di futuro” di Umberto Galimberti)

 

L’iniziativa è del Progetto Continenti, Organizzazione non governativa di solidarietà e cooperazione internazionale  che si pone l’obiettivo, attraverso i suoi numerosi progetti, di ridurre il divario fra il Nord e il Sud del mondo, favorendo la giustizia sociale, la pace e l’uguaglianza fra i popoli.

 

Il gruppo locale di Progetto Continenti vi aspetta a Terracina, nel Parco della Rimembranza sabato 15 luglio dalle ore 18.30 con l’iniziativa di economia circolare “VINTAGE SOSTENIBILE E SOLIDALE”, il cui ricavato sarà devoluto al CENTRO BLEIN del Municipio di Awassa,in Etiopia.

 

 

Emergenza incendi, il WWF chiede l’intervento dell’esercito

Incendi: WWF, emergenza che richiede mobilitazione straordinaria.Se necessario far intervenire esercito.

Quella degli incendi è un’emergenza che richiede una mobilitazione straordinaria e rispetto alla quale, se necessario, bisogna far intervenire anche l’esercito.
La Sicilia e in particolare Messina continua a bruciare. Da quattro giorni le fiamme non hanno sosta e la parte nord della dorsale dei Monti Peloritani è praticamente distrutta. Le alte temperature e la continua azione dei piromani, che non accenna a diminuire rendono la situazione esplosiva.
In Campania, siamo di fronte ad un attacco alle aree protette. Dopo il Parco nazionale  del Cilento e il parco dei Monti Lattari ora le fiamme stanno divorando il Parco nazionale del Vesuvio dove si è arrivati ad un fronte del fuoco di 2 chilometri con gravi pericoli anche per la popolazione. La situazione resta critica anche nel Lazio e in particolare nella provincia di Roma.
Il WWF chiede di attivare immediatamente un controllo capillare del territorio e che venga aggiornato subito il catasto degli incendi, previsto dalla legge quadro in materia di prevenzione e lotta agli incendi n. 353/2000.
Gli incendi mettono a rischio la vita di migliaia di cittadini e turisti oltre a quella degli animali che abitato i boschi e provocano danni enormi a cominciare dal costo per la collettività di migliaia di ettari di capitale naturale persi per sempre. Siamo in presenza di una situazione limite: per questo è necessario un intervento straordinario, a cominciare dal numero di uomini e mezzi sul campo che risulta insufficiente rispetto alla dimensione dell’emergenza.
Roma, 11 luglio 2017
 

Wwf Italia

Ufficio Stampa WWF Italia

Tel. 06-84497 332 – 266 – 213

Cel. 340 9899147 – 329 8315718

Lupo, Accordo tra WWF e allevatori virtuosi di DifesAttiva

L’OBIETTIVO È SOSTENERE GLI ALLEVATORI CHE SI IMPEGNANO NELLE ATTIVITÀ DI PREVENZIONE DEI DANNI

Per favorire un equilibrio stabile tra lupi e zootecnia WWF Italia e DifesAttiva, un’associazione di allevatori virtuosi della Maremma toscana, hanno sottoscritto un accordo di collaborazione. Le due associazioni che sono già impegnate localmente nel progetto LIFE Medwolf arrivato alle fasi finali hanno un obiettivo comune: quello di trovare soluzioni capaci di alleviare i problemi legate alla predazione da lupo puntando sulla prevenzione.

“Il lavoro che DifesAttiva sta facendo in Maremma è encomiabile e assolutamente in linea con la mission del WWF: costruire un mondo in cui l’uomo possa vivere in armonia con la natura. Perciò, grazie ai fondi raccolti con la campagna #SOSlupo, cominceremo con il contribuire concretamente alle spese di mantenimento degli efficaci cani da guardiania che DifesAttiva mette a disposizione degli allevatori, come i famosi cani bianchi usati da secoli in Abruzzo e in Maremma, sostenendo l’acquisto di cibo e di medicinali veterinari”dichiara Marco Galaverni, responsabile specie ed habitat di WWF Italia.

Il mantenimento dei cani, infatti, non viene oggi finanziato da programmi europei o regionali di sostegno al settore zootecnico e per gli allevamenti con numerosi capi ne consegue un aggravio notevole di costi.
Si comincerà dalla provincia di Grosseto non solo perché qui la presenza del lupo produce effetti economici e sociali maggiori che altrove, ma anche perché, grazie al progetto LIFE Medwolf, è nata una realtà come DifesAttiva che risponde intelligentemente sia al problema delle predazioni che alla necessità di valorizzare la pastorizia locale (La prevenzione è qualità, recita infatti lo slogan dell’associazione). In seguito il WWF metterà in campo altre iniziative concrete in tutta Italia per contrastare il bracconaggio, sostenere gli allevatori e diffondere un’informazione corretta su una specie fondamentale per i nostri ecosistemi.
“Noi ci impegniamo con passione e costanza a proteggere il nostro bestiame con strumenti di prevenzione legali: i nostri cani da guardiania sono i nostri alleati in campo e i ricoveri notturni sono la nostra gestione del bestiame in momenti di maggiore vulnerabilità”dice Francesca Barzagli, giovane allevatrice di ovini e Presidente dell’Associazione DifesAttiva“Che sia lupo, volpe o altri predatori, noi non vogliamo il danno. È una continua lotta, e nessuno premia le aziende che con costanza cercano di riequilibrare una situazione a volte veramente difficile. Noi crediamo che realizzare una sinergia di intenti e una rete tra imprese agricole zootecniche sia un primo passo, ma la possibilità di condividere anche con altre associazioni i nostri sforzi e il nostro impegno ci fa capire che non siamo più soli – conclude la giovane allevatrice –Per questo ringraziamo il WWF per questa collaborazione. Rimaniamo sempre in attesa, però, delle Istituzioni dello Stato che invece ci hanno abbandonato di fronte ai numerosi problemi dell’allevamento”
Il WWF continua la sua battaglia in difesa del lupo, una specie simbolo per l’Italia: gli abbattimenti non sono né accettabili né efficaci per ridurre i danni da predazione, che invece vanno affrontati e risolti, come dimostrano i progetti in corso, sviluppando efficaci mix di soluzioni di prevenzione e difesa studiate per ogni azienda e, ove necessario, ricorrendo ad indennizzi congrui e tempestivi. Il WWF torna a chiedere con forza l’approvazione del Piano di Conservazione e Gestione del lupo in Italia (fermo da mesi), stralciando il paragrafo sugli abbattimenti, così come sostenuto anche dalla quasi totalità delle Regioni.

Roma, 7 luglio 2017
 

Wwf Italia

Ufficio Stampa WWF Italia

Tel. 06-84497 213 – 266 – 332

Cel. 340 9899147 – 329 8315725

Yoga e mindfulness alla Rimembranza

Benessere in natura nel Parco della Rimembranza

Molto ricco quest’anno  il calendario estivo delle iniziative all’interno del Parco della Rimembranza. Oltre agli incontri dedicati alla cultura e alla sostenibilità, sono molti quelli all’insegna del benessere.

Ad inaugurarli è stato  il  laboratorio di Yoga della risata condotto sabato 1 luglio dal Club della risata di Aprilia e Latina. Inutile dire che i partecipanti si sono molto divertiti nella frescura del parco, in un’atmosfera spensierata e in un crescendo di risate veramente contagiose.

A seguire, l’11 Luglio alle 18,00 ci sarà un incontro organizzato dall’Associazione Myoga, durante il quale le frequenze armoniche delle campane tibetane e la meditazione guidata favoriranno uno stato di rilassamento e di sintonia con la natura.

La stessa Associazione martedì 18 Luglio, sempre alle 18,  condurrà un laboratorio di Yoga rivolto ai bambini  che, giocando nella quiete del parco, avranno la possibilità di avvicinarsi a questa antica disciplina.

Sarà l’associazione Progetto Mindfulness a guidare le meditazioni delle 8 del mattino nei giorni  di sabato 15 e 29 luglio e sabato 12 e 26 agosto. Un modo per entrare dolcemente in contatto con il giorno appena nato, attraverso semplici pratiche di Mindfulness. E sarà sempre la stessa associazione a condurre gli incontri rivolti ai bambini dai 6 a 10 anni, nei pomeriggi  del 14 e 28 luglio alle 18,00, e del 25 agosto alle 17,30,  durante i quali si giocherà e attraverso i 5 sensi si scopriranno le meraviglie del parco, dopo aver fatto una gustosa merenda.

E sarà, infine, Francesca Paola Russo a condurre gli incontri  di Yoga rivolti agli adulti nei pomeriggi di mercoledì 26 luglio alle 18,30 e venerdì 18 agosto alle ore 18,00. Tutti i partecipanti, principianti o meno, avranno modo di assaporare i benefici della pratica dello Yoga nell’ambiente più favorevole, cioè in mezzo alla natura.

Il calendario completo è consultabile sul sito del Comune, sulla pagina Facebook del WWF Litorale Laziale Gruppo attivo Litorale pontino e sul sito del WWF Lazio Gruppo attivo Litorale pontino.

Incontro con l’autore, sabato 8 luglio MAURO DOGLIO alla Rimembranza

Sabato 8 Luglio, nell’ambito delle manifestazioni organizzate dal Gruppo attivo Litorale Pontino del WWF Litorale Laziale, alle ore 21.30, presso il Parco della Rimembranza, lo scrittore Mauro Doglio presenterà il suo ultimo libro

 “ Descrizione di una città. Un romanzo sul movimento”.

“Possiamo calcolare con precisione millimetrica le rotte dei missili e costruire motori potentissimi ma dimentichiamo spesso che il movimento non è soltanto quello nello spazio, da un punto ad un altro, e neanche solo quello che va dalla nascita alla morte degli esseri viventi.  C’è un altro movimento che riguarda la nostra distanza dagli altri. Si potrebbe  dire che ci spostiamo sempre in relazione a qualcuno, andando verso qualcuno o allontanandoci da qualcuno. E si può essere fisicamente vicinissimi ma in realtà lontanissimi e viceversa.  Per questo usiamo i concetti che riguardano le distanze anche metaforicamente, dicendo: “mi sento molto vicino a te”, oppure “ad un certo punto ci siamo allontanati”. Lo spostamento nello spazio diventa una metafora delle relazioni tra gli esseri umani. In fondo, tutta la nostra vita potrebbe essere interpretata come un continuo movimento con il quale cerchiamo di regolare le distanze tra noi e gli altri”. 

Mauro Doglio è nato ad Alessandria (Piemonte) nel 1960. Laureato in Lettere e Filosofia, ha insegnato per molti anni nelle scuole medie inferiori e superiori.  Dal 1995 è presidente dell’Istituto Change (www.counselling.it) e Counsellor Sistemico. Svolge attività di Formatore in Italia e in Svizzera.
Ha pubblicato testi sui temi della comunicazione e dell’educazione, tra gli altri: Uscirne vivi. Manuale per sopravvivere a scuola ad uso delle giovani generazioni, Milano, Lupetti, 2005 e Uscirne vivi 2. Manuale per insegnanti, Milano, Lupetti, 2009; Parlare per tutti. Arte della comunicazione e relazioni umane, Milano, Lupetti, 2004.

INGRESSO  LIBERO

Piano del traffico o della mobilità sostenibile?

Ancora una volta Agenda 21 Locale di Terracina è intervenuta per ribadire che la mobilità sostenibile è cosa diversa dal traffico e che approvare come ha fatto recentemente la giunta comunale un Piano Urbano del Traffico ci riporta indietro di anni.

Il Forum di Agenda 21 Locale del Comune di Terracina, in un documento molto articolato, ha ricostruito tutte le fasi amministrative di indirizzo, pianificatorie, programmatorie ed esecutive del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), che tra l’altro a differenza del Piano Urbano del Traffico contribuisce alla concessione della Bandiera Blu, concludendo con una richiesta al Sindaco, alla Giunta Comunale e al Consiglio Comunale:

1) Di non vanificare il lungo e fruttuoso lavoro compiuto sinora per poter consegnare alla città, attraverso il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, uno degli obiettivi fondamentali e strategici della politica ambientale del Comune di Terracina e uno degli strumenti di maggiore garanzia per affrontare la sfida del cambiamento climatico, per sostenere la qualità dell’ambiente e della salute dei cittadini, per favorire la coesione sociale, per promuovere l’economia verde e quella turistica e per assicurare il futuro dello sviluppo sostenibile del territorio comunale.
2) Di valutare in modo approfondito (in termini di effettiva sostenibilità dei costi ambientali, sociali ed economici portati da un sistema di trasporto ancora centrato sulla circolazione di autoveicoli inquinanti invece che sulle esigenze delle persone e della loro mobilità) l’opportunità di procedere alla definitiva approvazione dell’aggiornamento del Piano Urbano del Traffico, oppure di procedere, invece, come auspichiamo e riteniamo di dover suggerire, alla revoca del provvedimento adottato, nel rispetto dell’art. 22 della legge n. 340 del 24/11/2000, concernente il superamento dei Piani Urbani del Traffico/PUT in favore dei Piani Urbani della Mobilità/PUM, e con riferimento alla Direttiva del Parlamento Europeo dell’8/01/2010 per i paesi membri, recepita dal Comitato delle Regioni Italiane, per l’adozione, da parte delle autorità locali, dei Piani Urbani della Mobilità Sostenibile.
3) Di avviare immediatamente l’iter tecnico-amministrativo per la redazione e l’adozione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile di Terracina, nel rispetto di quanto approvato con la Deliberazione di Giunta Comunale n. 94, del 22/04/2014; con le Deliberazioni di Consiglio Comunale n. 144/XXIII, del 9/12/2014 e di Giunta Comunale n. 321, del 11/12/2014; con la Deliberazione di Consiglio Comunale n. 4, del 24/01/2017; ed infine con la Deliberazione di Consiglio Comunale n. 18, del 31/03/2017.

Ecco l’intero documento del Forum di Agenda 21 di Terracina come appare sul sito comunale

20170627101558_300PianoUrbanodellaMobilitaSostenibilePUMSRichiestaavvioitertecnicoamministrativo26062017

Benessere in natura, cultura e sostenibilità nel cartellone delle attività estive alla Rimembranza

Anche quest’anno il Gruppo pontino del WWF Litorale laziale ha preparato un programma estivo pieno di attività, alcune riservate ai bambini, che si svolgeranno nel parco della Rimembranza.

Temi fondamentali saranno il benessere nella natura, l’arricchimento culturale tramite la conoscenza di nuovi autori e la sostenibilità ambientale nell’ambito particolare dell’alimentazione.

Tutto il programma ha il proprio fulcro nella serata dedicata a Emilio Selvaggi, figura che aleggia in tutti gli angoli del parco al quale ha dedicato vent’anni della propria esistenza. Il WWF ringrazia Caterina Bono di Ecosuoni che  ha voluto inserire nel proprio calendario estivo un concerto in onore di Emilio.

Ecco il cartellone dell’estate 2017 alla Rimembranza

OnLine il nuovo Report WWF sul consumo suolo “Caring for Our Soil – Avere cura della Natura dei territori” – Città polverizzate, isole di natura e Aree interne insidiate

LA LETTURA E LE PROPOSTE DEL WWF PER CONTENERE IL CONSUMO DI SUOLO. PUBBLICATO IL REPORT “CARING FOR OUR SOIL – AVERE CURA DELLA NATURA DEI TERRITORI”. ELABORAZIONI ORIGINALI E CINQUE PROPOSTE INNOVATIVE PER LE GREEN CITIES.

 

 

 

 

 

È OnLine su wwf.it l’e-book Caring for our soil – Avere cura della naturadei territori”, il Report 2017 del WWF Italia (scaricabile a questo indirizzoche vede il contributo di 27 tra Docenti universitari (Camerino, Firenze, L’Aquila, Roma Tre, Tuscia), esperti di Istituti di Ricerca (ISPRA e ISTAT), rappresentanti delle Istituzioni (come la Commissione Europea). Il Report offre analisi e proposte originali utili alla comprensione delle dinamiche del consumo di suolo in atto e per governare lo sviluppo delle aree urbanizzate, garantendo nel contempo, la tutela e la resilienza del patrimonio naturale e l’adattamento ai cambiamenti climatici. Fa così un ulteriore salto di qualità l’elaborazione del WWF che nel 2013 e nel 2014 ha già prodotto sull’argomento i Report “Riutilizziamo l’Italia”.

Il Report WWF nel 2017 presenta infatti elaborazioni originali che favoriscono una lettura analitica più raffinata di ciò che sta avvenendo nel nostro Paese:

  • Un territorio polverizzato
  • Isole di Natura
  • Aree interne insidiate

Il Report WWF offre anche idee e proposte di strumenti innovativi per leGreen Cities, per migliorare la pianificazione urbana, recuperare le aree dismesse e contaminate, diffondere i giardini condivisi e gli orti urbani, ridurre i consumi energetici delle aree edificate e promuovere la mobilità dolce (pedonale e ciclabile).

  1. Bilancio del consumo di suolo
  2. La “salute ambientale” dei siti contaminati
  3. L’autosufficienza energetica
  4. Il valore dei giardini condivisi
  5. Strade che favoriscano la mobilità dolce

Insomma, rispetto dell’ambiente, benessere ed equità sociale sono alla base dell’obiettivo del nuovo Report del WWF sul consumo di suolo, di questa nuova proposta che si ripromette di: “Caring for our soil – Avere cura della Natura dei territori”.

“Possiamo prenderci cura del Pianeta trasformandoci da consumatori in risparmiatori e investendo nel nostro capitale naturale. Le attività umane stanno cambiando radicalmente gli equilibri naturali: il sistema Terra, negli ultimi 300 anni, a partire dalla rivoluzione industriale, è stato sottoposto a trasformazioni superiori a quelle dei precedenti 4,6 miliardi di anni (che sono state causate dalle forze di origine astronomica, geofisica e interna allo stesso sistema). ‘Aver cura’ vuol dire innanzitutto conoscere le componenti ecologiche e la loro importante funzione, essendo consapevoli che c’è bisogno di un forte cambiamento per il futuro: questo Report vuole essere un strumento utile a disposizione di tutti (studiosi, cittadini, istituzioni) per ‘aver cura’ della Natura dei territori”Lo dichiara la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi che conclude:“Nel nostro paese gli habitat ecologicamente intatti sono in costante riduzione, solo l’11% dei fiumi alpini si salva da interventi artificiali e dallo sfruttamento; solo il 30% delle coste è rimasto nel suo stato naturale mentre il 50% risulta compromesso; l’80% delle dune è scomparso. Il suolo, risorsa non rinnovabile e bene comune, svolge funzioni vitali per l’ecosistema, la resilienza dei sistemi naturali, la produzione alimentare, la conservazione delle risorse idriche, lo stoccaggio del carbonio: contenere il consumo di suolo è fondamentale per limitare il rischio idrogeologico, garantire la resilienza dei sistemi naturali e favorire l’adattamento ai cambiamenti climatici. È quindi indispensabile stabilire per legge quali siano le soglie da non superare”.

Roma, 27 giugno 2017
 

Wwf Italia

Ufficio Stampa WWF Italia

Tel. 06-84497 213 – 266 – 332

Cel. 340 9899147 – 329 8315725

Il 26 giugno 1967 moriva don Lorenzo Milani, cinquant’anni dopo un Papa si è recato a Barbiana

“Fra cinquant’anni mi capiranno”, diceva don Milani a tutti i suoi detrattori interni al mondo cattolico.

Quasi una profezia, una settimana fa papa Francesco si è recato a Barbiana a pregare sulla tomba del priore dandogli finalmente quel riconoscimento chiesto ripetutamente al suo vescovo (Se lei non mi onora oggi con un qualsiasi atto solenne, tutto il mio apostolato apparirà come un fatto privato, qualcosa di simile all’opera di un pastore protestante), dopo aver già cancellato nel 2013 la condanna del Sant’Ufficio del libro Esperienze pastorali.

Il messaggio di don Milani fu raccolto soprattutto fuori del suo mondo non per una strumentalizzazione politica ma perchè dava la parola ai poveri come strumento di lotta contro il potere dei padroni.  Subito, infatti, l’analisi dei dati presenti in Lettera a una professoressa  pubblicato nel 1967 entrò  nelle assemblee del movimento studentesco

A Terracina il messaggio di don Milani non passò inosservato e qualche tempo dopo un gruppo di uomini e donne impegnato nelle scuole cittadine si attivò per l’intitolazione a don Milani della terza scuola media sorta nel quartiere Arene. Era un omaggio laico ad una persona che aveva fatto vacillare le sicurezze di un insegnamento tradizionale che nei fatti realizzava la macroscopica ingiustizia di far parti uguali fra disuguali.

Le vicende di questa intitolazione furono ricostruite nel 1995 sul periodico locale Il Sestante che viene qui riprodotto integralmente

Sullo stesso numero vennero pubblicati gli appunti dell’intervento di padre Balducci invitato a presentare nella scuola la figura e l’opera di don Milani.

Le vicende successive all’apparizione della targa fuori del cancello della scuola videro protagonista il preside Antonio Tagliaferri che organizzò un convegno durante il quale intervennero un allievo della scuola di Barbiana e Giorgio Pecorini, un giornalista amico di don Milani.

Il messaggio donmilaniano irruppe nella società italiana in anni in cui era stata realizzata le riforma della scuola media unica che faceva entrare  in massa nelle aule figli di famiglie operaie e contadine ricacciandone la maggior parte (la scuola come ospedale che cura i sani)

Cosa resta oggi del messaggio donmilaniano?  Ben poco ci si rispondeva nel 1995 in una società in cui cominciavano a prendere consistenza una desertificazione sociale e un appiattimento culturale, ma oggi in presenza della cosiddetta buona scuola, dei fenomeni migratori, dei cambiamenti climatici, della terza guerra mondiale a pezzi non si dovrebbe riprendere almeno l’I care della scuola di Barbiana?