Con la raccolta differenziata la gestione dei rifiuti costa meno, è quanto mostra il Rapporto “Italia del Riciclo 2012” presentato oggi a Roma

locand

 

 

 

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e la FISE-UNIRE (Unione Nazionale Imprese Recupero) hanno presentato stamani a Roma il Rapporto Italia del Riciclo 2012.

 

 

 

 

<<In Italia solo il 33% dei rifiuti urbani viene recuperato, rispetto alla media europea del 42%; dopo di noi solo il Portogallo (19%) e la Grecia (18%).

Quasi la metà dei rifiuti prodotti (il 49%) finisce in discarica, ben 15 milioni di tonnellate ogni anno, mentre in Europa viene mediamente conferito in discarica il 30% dei rifiuti. Nel Mezzogiorno, se possibile, la situazione è ancora più negativa con quasi tutte le Regioni che superano ampiamente il 60%, fino alla percentuale record del 93% registrata in Sicilia. Sono queste le principali elaborazioni su dati di fonte europea (gli ultimi dati disponibili sono relativi al 2010, ma da allora il trend è rimasto costante) riportate nello studio annuale “L’Italia del Riciclo”, il Rapporto promosso dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e da FISE Unire (l’Associazione di Confindustria che rappresenta le aziende del recupero rifiuti. …Uno dei motivi principali di questa situazione è la bassa tassazione sullo smaltimento in discarica (15 euro a tonnellate in Italia contro le 40 in Germania). Occorre dare effettiva priorità al riciclo, così come obbliga a fare la direttiva europea 98/2008 CE, ricorrendo anche agli incentivi economici o fiscali in quelle filiere, per esempio quella delle plastiche miste, dove il riciclo si trovi in condizioni di svantaggio rispetto al recupero energetico”-afferma Edo Ronchi.

Lo studio quest’anno presenta proprio in apertura un benchmark internazionale sul tema della gestione dei rifiuti che evidenzia come ancora molta strada resti da fare per raggiungere le medie europee di recupero e conferimento in discarica dei rifiuti. E’ ancora ampio il divario che ci separa dai Paesi che presentano migliori performance nel recupero di materia dai rifiuti urbani, come Austria (70%), Germania e Belgio (62%), Paesi Bassi (61%), Svezia (50%) e Danimarca (42%). Questi sei Paesi europei, oltre a un elevato tasso di riciclo e a una quota significativa di recupero energetico mostrano anche un altro dato in comune: smaltiscono in discarica tra lo 0 e il 3% dei rifiuti. In Italia, invece, sono ben 9 le Regioni che si affidano alla discarica per smaltire oltre il 60% dei propri rifiuti (Liguria, Umbria, Marche, Lazio, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia) e diventano 10, con la Campania, se si aggiungono a questi rifiuti quelli inviati fuori Regione o all’estero. Il Lazio, con oltre 2,5 milioni di tonnellate, è la Regione che smaltisce in discarica la maggiore quantità di rifiuti urbani, pari al 74% di quelli prodotti. La sola provincia di Roma porta in discarica quasi 1,9 milioni di tonnellate di rifiuti ogni anno, di cui oltre 1,3 milioni solo nel comune di Roma.

Le cattive notizie per il nostro Paese non si fermano qui: secondo il Rapporto recuperiamo sotto forma di materia solo il 20% dei rifiuti (escluso il compostaggio), contro una media europea del 26%; anche il compostaggio e il recupero energetico si mantengono sotto la media del “vecchio continente”, rispettivamente al 13% (in Europa al 16%) e al 18% (29% in Europa).

In questo scenario critico, nel 2011 l’industria italiana del riciclo degli imballaggi si è mantenuta su buoni livelli sia per quantitativi, pari a 7,5 milioni di tonnellate (+2% sul 2010, quando erano 7.346), sia per tasso di riciclo, stabile al 64%: crescono carta (+3%), plastica (+4%) e vetro (+7%), in calo acciaio (-1%), alluminio (-13%) e legno (-5%). >>

Un intero capitolo del rapporto è dedicato all’Italia e all’Unione Europea con una valutazione comparata della gestione dei rifiuti.

EU15

Molto interessante il capitolo dell’analisi dei costi di gestione dei rifiuti urbani in Italia dove si sfata l’ultima leggenda, quella riguardante i costi alti della raccolta differenziata.

Dall’analisi dei dati relativi a circa 5.000 comuni (più di un semplice campione) salta agli occhi che i costi totali di gestione sono più bassi nelle Regioni dove più alto è il tasso della raccolta differenziata.

I costi totali comprendono i costi di gestione dell’indifferenziato, i costi di gestione del differenziato (decurtati dei contributi CONAI), i costi di spazzamento e lavaggio, i costi amministrativi della riscossione e i costi d’uso del capitale.

Ecco la situazione delle otto Regioni più grandi d’Italia dove la popolazione supera i 4 milioni di abitanti.

Piemonte Lombardia Veneto E.Romagna Lazio Campania Puglia Sicilia
%RD 49.3 47.4 56.7 45.6 17.8 33.4 13.7 7.3
€/ab/anno 141.69 124.51 124.72 139.90 196.82 151.78 132.12 150.77
€cent/kg 27.88 24.65 25.88 21.23 31.94 34.28 24.21 29.83

Le performances negative delle Regioni con gli alti costi potrebbero derivare anche da inefficienze del sistema di gestione dei rifiuti.

Sono stati riportati nel rapporto anche i costi per macroaree di una gestione diretta dei rifiuti.

NORD CENTRO SUD ITALIA
Costi Totali €/ab/anno 131.39 176.06 143.32 143.26
€cent/kg 24.86 28.11 29.17 26.58
Costi Totali (gestione diretta) €/ab/anno 85.03 102.19 107.87 94.09
€cent/kg 16.09 16.32 21.96 17.46

il Rapporto è scaricabile dal sito www.associazione-unire.org e dal sito www.fondazionesvilupposostenibile.org

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...