Il presidio ospedaliero Terracina-Fondi non deve essere sciolto, va invece potenziato

 La prevenzione primaria delle malattie si realizza evitando l’inquinamento di acqua, aria e terra e con un’alimentazione naturale.

Un ambiente sano garantisce la buona salute dei cittadini.

Se alle malattie indotte da cattivo uso dell’ambiente in cui viviamo si aggiungono i traumi di qualunque origine viene fuori la necessità della presenza sul territorio di presidi ospedalieri pronti ad alleviare le sofferenze dei cittadini.

Nella provincia di Latina esistono tre presidi geograficamente indicati Nord, Centro e Sud. Gli ospedali Alfredo Fiorini di Terracina e San Giovanni di Dio di Fondi costituiscono il presidio Centro e sono come due padiglioni di un unico ospedale.

ospedale_fondi-2

ospedale-fiorini_terracina

 

 

 

 

Ora un atto dirigenziale dell’ASL intende smembrare tale presidio accorpando il Fiorini all’ICOT di Latina (struttura privata) e il San Giovanni di Dio al Dono svizzero di Formia impoverendo in maniera drastica un presidio sanitario per un ambito territoriale di oltre 150 mila abitanti che di estate superano il doppio.

La reazione a tale decisione è partita da Fondi dove si è costituito un comitato pro-ospedale molto attivo e a cui sta facendo seguito in questi giorni un’altrettanto forte iniziativa da parte di cittadini terracinesi sollecitati dagli operatori sanitari, i primi a cogliere la gravità di questa disaggregazione in un momento in cui si stavano realizzando miglioramenti nel servizio rivolto ai cittadini.

Si è formato anche a Terracina un comitato in difesa del presidio Centro che nella sua prima riunione ha inviato alla Regione una richiesta di incontro a sostegno del proprio no allo scioglimento di tale struttura sanitaria. Nel secondo incontro tenuto ieri nei locali dell’ospedale Fiorini è stato emesso questo comunicato:

Come preannunciato, il giorno 31 ottobre, alle ore 16,30, si è riunito per la seconda volta, il comitato per la difesa del presidio ospedaliero centro, nel quale dopo ampio dibattito, si è deciso:
• Che, l’esecutivo sarà composto di sei persone, di cui almeno due provenienti dalla società civile;
• Che, temporaneamente vengono nominati i seguenti primi quattro componenti dell’esecutivo: Bernardi Antonio, Giovanni Colandrea, Pernarella Agostino, Genosini Celestino, gli altri due saranno individuati, nominati e integrati nella prossima riunione;
• Di promuovere una petizione popolare indirizzata al Presidente della Giunta Regionale del Lazio e al nuovo Direttore Generale della ASL, quando sarà sostituito Renato Sponsilli, per chiedere, tra l’altro, di non approvare la proposta del Direttore Generale in carica, con la quale, di fatto, si sancisce lo scioglimento del presidio ospedaliero centro e di migliorare i reparti e servizi esistenti;
• Di provvedere ad una prima raccolta di firme, per mercoledì 6 novembre dalle ore 9, presso l’ospedale di Terracina e per giovedi 7 novembre, dalle ore 9, presso il mercato settimanale.

Il WWF Litorale Pontino invita tutti i cittadini a sottoscrivere la petizione e, dopo aver stampato il modulo seguente, a farsi promotori nel proprio ambiente della raccolta delle firme :

1422509_558284790891673_55123595_n

Annunci

Un pensiero su “Il presidio ospedaliero Terracina-Fondi non deve essere sciolto, va invece potenziato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...