Sabato 3 dicembre 2016 assemblea regionale dei soci WWF del Lazio

Ogni anno i soci del WWF residenti nella nostra regione si incontrano per confrontarsi in un’assemblea dedicata alla programmazione delle attività anche in relazione ai progetti del WWF Italia.

E’ un momento di incontro dei tanti volontari che nelle diverse province laziali danno un valido contributo alla sostenibilità ambientale impegnandosi nella conservazione e nella tutela della natura.

L’assemblea quest’anno si terrà a Roma presso la sede del WWF Italia in via Po25/c ed è aperta a tutti i soci e ai simpatizzanti che stanno avvicinandosi all’associazione.

Programma dell’assemblea

10.00. Saluti di Donatella Bianchi (da confermare)

10.10. Le attività del WWF Lazio nel 2016; breve consuntivo e lunghe prospettive (Andrea Filpa)

10.30. L’avvio della OA Litorale Laziale; riflessioni di Franca Maragoni, Gabriella Villani, Valerio Facchinelli

10.50. La comunicazione tra soci ed attivisti del Lazio. Sito, mail, bollettino, Facebook: per un futuro migliore del passato (Cesare Budoni, Barbara Gaggioli, Valeria Pellegrini, WWF Lazio)

11.10. Il programma del WWF Italia per il 2017 (Gaetano Benedetto, DG WWF Italia)

11.30. Esplorare e incrementare la biodiversità urbana; l’esperienza del WWF Oasi (Antonio Canu, Presidente WWF Oasi) e la testimonianza del WWF Pigneto Prenestino (Alessandro Fiorillo, Mario Palone)

11.50. WWF YOUNG; una iniziativa in partenza (Carlo Aprile)

12.10. Promuovere la mobilità dolce nel Lazio (Roberto Pallottini, portavoce del Coordinamento Roma Ciclabile; Renato Moro, WWF Lazio)

12.30. Economia circolare e gestione dei rifiuti (Stefano Leoni, past president WWF Italia, Giovanni Iudicone, OA Litorale Laziale)

12.50. Il patto per il clima dopo la COP 22 di Marrakech (Maria Grazia Midulla, responsabile clima WWF Italia)

13.10 Pausa pranzo

14.10. Le attività delle Guardie WWF e le loro prospettive (Raniero Maggini, Roberto Malatesta, WWF Lazio)

14.30. La costituzione della OA WWF di Roma (interventi di soci ed attivisti)

15.00. Costruiamo assieme il programma 2017 del WWF Lazio (interventi di soci ed attivisti)

15.30. Dibattito finale e appuntamenti

16.00 Brevi conclusione (Andrea Filpa)

 

Pubblicità

Terracina per Emilio Selvaggi

img_6489

 

Dopo la camera ardente nella sala consiliare voluta dal sindaco Nicola Procaccini si sono svolti oggi i funerali di Emilio Selvaggi.

 

 

 

La città attraverso la sua amministrazione ha voluto dedicargli i meritati onori con funerali solenni alla presenza di numerosi cittadini.

Il WWF locale ha chiesto di poter dare l’ultimo saluto a Emilio proprio da quel parco della Rimembranza divenuto negli ultimi vent’anni la sua seconda casa.

Il sindaco Nicola Procaccini e Raniero Maggini, che Emilio ha conosciuto come presidente del WWF Lazio e vice presidente del WWF Italia, hanno espresso per la città e per l’associazione il rammarico per tale perdita e la certezza che il lavoro di Emilio avrà un seguito.

 

Straordinaria giornata quella vissuta alla Rimembranza domenica scorsa

Domenica 7 agosto il WWF di Terracina ha voluto ricordare i suoi primi trent’anni di presenza in città con una festa.

La mattinata è stata dedicata ai ricordi e ai saluti delle Istituzioni presenti mentre il pomeriggio si è riempito di musica e di degustazioni macrobiotiche, tra le quali Simone Bottiglia, un nostro giovane socio, ha inserito una presentazione fatta di foto e video storici che a volo di uccello copriva i trent’anni di attività del WWF terracinese a tutela dell’ambiente.

Fabio Converio, un amico venuto dal litorale romano, ha registrato molti momenti della mattinata e ha voluto farcene omaggio.

Ecco il suo album

Altre immagini della giornata

Domenica 7 agosto il WWF di Terracina festeggerà i suoi primi trent’anni

Il World Wide Fund for Nature è la più grande organizzazione mondiale per la conservazione della natura. Nato nel 1961, è presente nel mondo con 24 organizzazioni nazionali, 5 organizzazioni affiliate e 222 uffici di programma in 96 paesi.

In Italia è nato nel 1966 e quest’anno si festeggiano quindi i 50 anni di vita e di importanti attività a favore dell’ambiente e della natura.

Nel 1986 venne creata la prima aggregazione nella nostra Città. Tante le tematiche affrontate, in continuità con quelli che erano via via i grandi progetti nazionali dell’associazione ma declinati a livello locale, molte invece le problematiche specifiche del nostro territorio che avevano bisogno di essere poste all’attenzione dell’opinione pubblica e del governo della Città.

Con tenacia e passione i Volontari hanno dedicato alla cura dell’ambiente tanto del loro tempo e delle loro capacità.

Senza clamore ma con impegno sono state affrontate emergenze ambientali di varia natura come incendi o particolari situazioni critiche e sono state condotte azioni quotidiane e programmate come l’educazione ambientale nelle scuole e visite guidate o escursioni per adulti e bambini.

Oggi la nostra associazione locale compie 30 anni, ha una nuova denominazione in seguito alla riorganizzazione a livello centrale, non è più WWF Terracina ma WWF Litorale Laziale, e questo è indicativo della dimensione che ha assunto il nostro impegno, ma i Volontari sono quelli che tutta la Città conosce e che da anni sono sempre presenti e si impegnano in favore dell’ambiente.

Per ribadire il nostro impegno e rendervene partecipi con uno sguardo al passato invitiamo i cittadini il giorno 7 agosto p.v. presso il Parco della Rimembranza alle ore 11.00 per l’apertura dell’evento che svilupperà un programma per l’intera giornata.

 

Il Gruppo Litorale pontino del WWF Litorale laziale incontra i candidati a sindaco della città di Terracina

Il WWF Litorale laziale-Gruppo Litorale pontino ha invitato ad un incontro pubblico i candidati alla carica di Sindaco alle prossime elezioni  comunali.

Come nella scorsa campagna elettorale, anche questa volta il WWF desidera incontrare i candidati alla carica di Sindaco. L’incontro sarà utile ai candidati stessi e all’associazione per riflettere sui tanti temi legati all’ambiente che possono essere elementi di promozione turistica, culturale ed economica, ma che possono anche intervenire pesantemente sui vari aspetti della vita cittadina influenzandone negativamente la qualità.

Per anni, precisamente 30, la nostra associazione ha vissuto i problemi ambientali della città facendosene carico per una soluzione che fosse sostenibile per i cittadini e per la natura.

Ha sempre collaborato con le amministrazioni che si sono succedute in questo lasso di tempo mantenendo la propria autonomia nel rispetto della mission associativa: COSTRUIRE UN MONDO IN CUI L’UOMO POSSA VIVERE IN ARMONIA CON LA NATURA.

foto_3Per questo motivo saremo lieti di ospitare presso il Parco della Rimembranza giovedì 19 maggio 2016 alle ore 18.00 i candidati a sindaco di Terracina per discutere intorno alla natura ed ai temi ambientali della nostra Città. Già sono arrivate numerose adesioni.

Nel caso di tempo inclemente l’incontro si terrà in luogo chiuso.

Il WWF non condivide l’abolizione della Forestale, a Terracina è in prima linea contro l’abusivismo

download

Oggi il WWF Italia ha espresso il proprio dissenso sulla paventata soppressione del Corpo Forestale dello Stato con il seguente comunicato.

CORPO FORESTALE DELLO STATO

WWF: ACCORPAMENTO DELLA FORESTALE ALLA POLIZIA NON TAGLIA COSTI E NON AUMENTA EFFICIENZA

Il Corpo Forestale dello Stato non è solo un corpo di polizia cioè di repressione dei reati ambientali perché oltre a questa funzione opera nei campi della gestione delle aree naturali protette, della prevenzione anti incendio, dell’educazione ambientale e della ricerca scientifica, ricorda il WWF Italia presente oggi a Roma al sit-in in difesa della Forestale. L’ipotesi di accorpamento alla Polizia di Stato tramite legge delega non considera che a molte di queste funzioni sono poi strettamente legati i parchi nazionali che godono dei servizi del Corpo Forestale anche in relazione all’utilizzo dei beni demaniali che vengono gestiti dai parchi per conto del Ministero politiche agricole MIPAAF.

 Il rischio che si corre è che serviranno altre disposizioni normative per regolamentarle e che quindi nella migliore delle ipotesi questi servizi rimarranno quantomeno sospesi se non abbandonati.

Il provvedimento voluto dal Governo ha due obiettivi dichiarati, tagliare i costi e aumentare l’efficienza. I costi non verranno però ridotti ma rischiano anzi di aumentare: il WWF ha più volte ricordato che il CFS rappresenta il 3% di tutte le forze di polizia e il 90% del suo costo è per il personale. Il trasferimento dei servizi oggi della Forestale ad altra amministrazione aumenterà i costi, si perderà l’economia di scala oggi garantita.

 

Riguardo l’efficienza il primo obiettivo da porsi è quello di avere un vero e proprio corpo di Polizia ambientale unendo e coordinando le molte attività che vari enti fanno in questo settore. Oggi il primo obiettivo dunque sarebbe quello di non disperdere le polizie provinciali e unirle in una strategia nazionale. Secondo il WWF questa potrebbe coincidere con una riforma innovativa del CFS e con un suo rafforzamento, senza aumentarne i costi perché le polizie provinciali trasferite alle Regioni sarebbero sempre sul bilancio della Pubblica Amministrazione.

Nella campagna STOP SI CRIMINI DI NATURA lanciata lo scorso ottobre il WWF aveva già sollevato il problema mettendo un esplicito richiamo nella petizione online già sottoscritta da più di 55.000 persone per  ‘precise garanzie per il mantenimento e il rafforzamento del Corpo Forestale dello Stato’ http://criminidinatura.wwf.it/cosa-facciamo/petizione.php

 

Roma, 31 marzo 2015

Ufficio Stampa WWF Italia,  06 84497213/265 –  349 0514472, 02 83133233 – 329 8315718

 

Il WWF a Terracina si fa in due o quasi

COMUNICATO

Il nuovo Statuto del WWF Italia non prevede più le Strutture Territoriali Locali (STL) quale era l’associazione WWF Litorale Pontino e ha introdotto una struttura territorialmente più ampia denominata Organizzazione Aggregata (OA). In attesa di una verifica delle condizioni che permettano la costruzione di una dimensione provinciale dell’associazione questo sito/blog, in collaborazione con la nuova figura del Delegato regionale, continuerà a dar voce al Gruppo di volontari che da quasi trent’anni è presente sul territorio terracinese.

A fianco al Gruppo opererà l’associazione “Litorale Pontino” nata dalla precedente “WWF Litorale Pontino” con modifica statutaria regolarmente registrata. Presidente di questa nuova realtà è stato eletto Marco Senesi.

Il WWF Litorale Pontino è ancora qui

th (1)

 

Il WWF Italia ha attraversato negli ultimi decenni diversi momenti di ristrutturazione con tutti i traumi conseguenti di adattamento al livello locale e anche oggi ci troviamo in un simile passaggio. Ci sono difficoltà ma come nel passato potremo superarle con spirito di collaborazione tra tutti i livelli istituzionali. La notizia apparsa ieri su un quotidiano online non proviene dagli organi dell’associazione ma da voci raccolte all’esterno. Ecco la smentita con le firme del presidente del WWF Litorale Pontino e del Delegato regionale del WWf Lazio.

 

 

 

 

Il WWF Litorale Pontino non è a rischio di estinzione.

La Struttura Territoriale Locale “WWF Litorale Pontino” ed il WWF Lazio, in merito all’articolo comparso sul sito “H24Notizie” on line, vuole rassicurare soci e simpatizzanti: l’ombrello del “Panda” non si chiude, ed in particolare non si chiude sul “WWF Litorale Pontino” che in 30 anni ha portato avanti, e continua tutt’ora, ad affrontare importanti battaglie per l’ambiente con il sostegno, la fiducia e la collaborazione di tutto il WWF. Le notizie riportate sono frutto di informazioni fornite da persone evidentemente poco a conoscenza dei fatti e che comunque non rappresentano il WWF.

E’ vero che nella struttura del WWF sia in corso un processo di riorganizzazione, ma si tratta di un processo che ha l’obiettivo di integrare maggiormente tutte le dimensioni in cui il WWF opera – ed è la sua forza da tutti riconosciuta – ovvero quella internazionale, nazionale, regionale e locale. “Pensare globalmente ed agire localmente” non è per il WWF un semplice slogan, ma uno stile di lavoro che ne ha fatto la più importante organizzazione ambientalista a livello mondiale.

Presidente del WWF Litorale Pontino   Domenico Carafa

Delegato regionale WWF Lazio            Andrea Filpa

Il WWF Italia si rinnova, nuovo Statuto e nuovo Consiglio nazionale

assemblea_5 

 

La Prefettura di Roma ha approvato la riforma dello Statuto WWFdeliberata a larghissima maggioranza dall’Assemblea dei Soci del 18 gennaio scorso iscrivendolo, ai sensi di legge, nel Registro delle persone giuridiche. Si tratta di un passo importante per l’Associazione: la riforma statutaria permetterà infatti di completare il percorso di riorganizzazione già avviato, rafforzando  il forte richiamo e l’appartenenza al network internazionale e gestendo in modo più efficace ed efficiente il proprio programma di conservazione anche in relazione all’attività sul territorio.

Con l’entrata in vigore del nuovo statuto “decade” il vecchio Consiglio nazionale e automaticamente diventa operativo quello nuovo, eletto nella stessa Assemblea dei Soci del 18 gennaio e poi completatosi il 13 febbraio per la parte relativa ai Consiglieri designati. Con il nuovo statuto “decadono” anche  tutti gli incarichi degli organi associativi di cui allo statuto precedente. I presidenti dei Consigli regionali ricopriranno temporaneamente il ruolo di “Delegati regionali” sino a che il nuovo Consiglio nazionale non provvederà, entro 60 giorni dal suo insediamento, alle nomine di questi.
Il nuovo Consiglio nazionale si è insedieto sabato 5 aprile e dovrà riconvocarsi per le elezioni del Presidente e del tesoriere, oltre che per avviare la propria attività.

Il nuovo Consiglio
I 10 membri del rinnovato Consiglio Nazionale WWF sono:  Paolo Anselmi, Andrea Baranes, Donatella Bianchi, Dante Caserta, Roberto Danovaro,  Marcella Logli, Francesco Neri, Luca Petroni, Anna Puccio, Costanza Pratesi.

Nuovo Statuto documento_assemblea

Nuovo Consiglio nazionale cons_nazionale

La carica dei 600, tanti sono stati i soci venuti a Roma ieri per l’assemblea nazionale di rifondazione del WWF Italia

foto

Un’assemblea intensamente partecipata, animata da tanti giovani e meno giovani portatori di un’esperienza di vita vissuta in difesa dell’ambiente con il panda nel cuore, ha ieri confermato la volontà di far continuare a vivere l’associazione in Italia.

Occorreva procedere ad un cambiamento abbastanza robusto dello statuto per allinearsi alle indicazioni del WWF Internazionale che vede nell’organizzazione democratica territoriale dell’associazione italiana un incentivo a consumo di risorse utilizzabili altrove.

Tanti soci attivi che in questi anni si sono spesi sul territorio tutelandolo anche con qualche rischio personale, pur di salvare il logo-panda, la cui proprietà è del WWF Internazionale e che non avrebbe esitato a ritirarlo, hanno votato il nuovo statuto e subito dopo seguendo le nuove norme i primi sei componenti del Consiglio nazionale.

Le preoccupazioni maggiori espresse da molti attivisti si possono sintetizzare nel rischio di un allentamento del controllo del territorio in seguito alla soppressione delle strutture territoriali che dovranno trovare una opportuna aggregazione ad un livello geografico più ampio.