L’impegno del WWF Litorale Pontino nell’operazione “Caretta caretta”

Si è conclusa ieri 30 agosto alle ore 4:42 l’avventura del nido di Caretta caretta deposto sul litorale di Fondi (LT).

Alcuni volontari del WWF Litorale Pontino hanno partecipato, fin dall’inizio, a tutte le fasi di questa meravigliosa avventura.

Il nido è stato deposto alle prime luci dell’alba il 4 luglio. Fortunatamente le manovre di mamma Tartaruga non sono sfuggite ad alcuni giovani, presenti in spiaggia, che hanno allertato subito la Capitaneria di Porto di Gaeta e Terracina.

Da quel momento è scattato il protocollo ormai collaudato di TARTALAZIO, settore specializzato sul recupero e tutela delle tartarughe marine afferente all’UFFICIO TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL MARE E DELLE COSTE della Regione Lazio.

Sono subito intervenuti Nicola Marrone e Fabio Giannetti del Parco Riviera d’Ulisse ed esperti Tartalazio che hanno subito messo in sicurezza il nido e coordinato tutte le operazioni necessarie alla buona riuscita della deposizione e cioè il viaggio verso il mare e la libertà delle tartarughine.

Appena saputa la notizia il WWF Litorale Pontino, gruppo attivo del Litorale Laziale, si è messo in contatto con i referenti dell’operazione per essere completamente a disposizione per tutto quanto fosse necessario.

Abbiamo quindi sorvegliato la costa ad iniziare dalle 5:30 del mattino fino all’arrivo delle persone e degli operatori degli stabilimenti balneari. Questa operazione si è resa necessaria per evidenziare le tracce di una seconda deposizione, probabile dopo la prima e in prossimità di questa.

Nel frattempo gli esperti raccoglievano dati di temperatura e umidità della sabbia grazie a sensori posti in prossimità del nido. L’analisi di questi dati e la loro elaborazione ha permesso così di prevedere la schiusa delle uova in un periodo compreso tra il 25 e il 31 agosto.

Insieme ad una quindicina di volontari, quindi, ci siamo alternati giorno e notte, a cominciare dal 26 agosto, nei pressi del nido, pronti a cogliere l’attimo della emersione dalla sabbia delle piccole tartarughine.

E il momento è arrivato!

Alle 5:55 di sabato 29 agosto, alle prime luci dell’alba le prime tartarughine hanno cominciato a liberarsi della protezione della sabbia e ad emergere all’esterno.

Si è passati così all’ultima e più delicata fase. Le piccole nate sono state delicatamente prelevate, portate nel punto di registrazione dei dati; sono state pesate, misurato il carapace, esaminato lo stato di salute e poi …via!!  Verso il mare attraversando un corridoio lungo alcuni metri necessario a ricevere l’imprinting del luogo dove erano nate. E noi lì, con il cuore in gola a le lacrime pronte, ognuno di noi con il compito di seguire una o più tartarughine per verificare che il percorso non si interrompesse e arrivassero finalmente in mare. Le prime 60 tartarughe, belle vivaci e sanissime.

Alle 7:30 questa prima risalita si è fermata, ma la sorveglianza è continuata con maggiore attenzione poiché ci si aspettava da lì a poche ore il prosieguo.

Alle 2:20 di sabato di nuovo 2 emersioni poi più nulla. Il tempo però cominciava a cambiare, il mare ad ingrossarsi e così dopo una serie di tentativi di far defluire l’acqua che avanzava verso il nido, gli esperti si sono visti costretti a scavare, trarre in salvo le ultime 20 tartarughe vive e pronte a riemergere dalla sabbia e smontare il campo alle 4:42 di domenica. Poco dopo alcune persone del nucleo di esperti a bordo di una motovedetta della Capitaneria di porto di Terracina hanno preso il largo per riportare le piccole nel loro ambiente naturale. Un successo straordinario, 83 tartarughe!!

Le giovani biologhe marine che hanno preso parte a quest’ultima fase ci hanno raccontato e trasmesso, con estrema delicatezza, le emozioni provate in quei momenti

…tutte magicamente hanno riconosciuto quel liquido salato in cui venivano immerse come la loro CASA, innata sapienza che la madre lascia in loro…la Natura è perfetta e meravigliosa.

Noi ci sentiamo solo di fare nostre queste riflessioni e di essere felici di aver fatto parte di un sogno così bello e inaspettato.

In un mondo di uomini in eterna guerra con la Natura queste persone ci fanno pensare che c’è speranza in un futuro diverso, basta solo volerlo e le generazioni che verranno dopo di noi ce ne saranno grate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...