Giovedì 14 luglio la riserva marina di Ventotene e Santo Stefano alla Settimana del mare in corso alla Rimembranza

La settimana del mare

Giovedì 14 luglio ore 21

L’area marina protetta e riserva naturale statale di Ventotene e S. Stefano

Queste due isole così vicine alla nostra costa portano i segni di secoli di storia; in tempi bui per il nostro continente hanno visto nascere il sogno di una Europa unita e federata. Nel 1999 il Ministero dell’Ambiente ha voluto proteggere le loro acque istituendo la Riserva naturale statale Isole di Ventotene e S. Stefano.

Ventotene

Alla Rimembranza inizia la Settimana del mare, martedì 12 luglio Planet Ocean

Martedì 12 luglio ore 21

Proiezione del film documentario PLANET OCEAN  di Yann Arthus-Bertrand e Michael Pitiot.

“Balene e delfini non sono i soli abitanti dell’oceano. I cittadini delle Maldive nel Pacifico dovrebbero essere presi in considerazione, così come i pescatori di Papua Nuova Guinea. Ci sono anche i marinai che vagano sui mari nelle loro barche da pesca o in una delle numerose navi container nella spola tra la Cina e gli Stati Uniti. Poi ci sono tutti gli abitanti di città costiere come New York, Shanghai, Rotterdam, Nagoya, ecc lo sappiamo tutti, anche se a volte ce ne dimentichiamo: viviamo su un singolo pianeta, che è blu. Dato che gli oceani forniscono l’ossigeno che respiriamo, perché producono una quota significativa del nostro cibo, perché facilitano la maggior parte del nostro commercio, sono al centro di tutte le nostre vite”.  (Yann Arthus-Bertrand  Presidente della Fondazione GoodPlanet)

PlanetOcean

L’abusivismo edilizio a Terracina è diventato endemico

COMUNICATO  STAMPA

Sulla stampa di oggi è apparsa la notizia dell’ennesimo caso di abusivismo edilizio effettuato nel territorio del comune di Terracina. Gli agenti del Corpo Forestale dello Stato hanno individuato un manufatto in costruzione senza autorizzazioni e in area protetta. E’ uno stillicidio, non si riesce ad arrestare  questo fenomeno messo in moto dai furbetti del mattone.

La nostra associazione plaude all’intervento del Corpo Forestale e ne esce confermata nella giustezza della difesa di questo organo di polizia contro il suo deprecato scioglimento.

Questo ultimo caso di consumo del territorio viene proprio a ridosso della Giornata dedicata al suolo che l’ISPRA, insieme a FAO, Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea, Aissa, Dipse, Cia, Confagricoltura, Copagri, Conaf, LEGAMBIENTE, Slow Food e Forum Salviamo il Paesaggio, di cui fa parte il WWF,  hanno organizzato  per il 13 luglio.

La Giornata del 13 luglio sarà l’occasione per fare il punto su questo fenomeno degenerativo dell’uso del territorio. Per il WWF l’espansione urbanistica a “macchia d’olio” va immediatamente bloccata: il perimetro urbano deve essere contenuto e delimitato, preservando così nel contempo il valore della città e della campagna.
Per evitare che il territorio diventi un’immensa, ininterrotta periferia sub-urbana di nuclei dispersi di scarsa qualità edilizia e senza servizi, che soffocano la natura e deturpano il paesaggio.

Ci affidiamo anche alla nuova amministrazione comunale di Terracina che nell’insediarsi ha posto la legalità al primo punto, ad essa chiediamo un controllo puntuale per un uso sostenibile del territorio.  Abbiamo bisogno di un’Amministrazione in grado sia di garantire il rispetto delle norme a tutela dell’ambiente e del paesaggio sia di regolare le trasformazioni in modo tale da risparmiare suolo e, nello stesso tempo, da migliorare la vivibilità della nostra città.

9 e 10 luglio, un week end di musica e foto alla Rimembranza di Terracina

Sabato 9 Luglio, alle 21, al Parco della Rimembranza, nell’ambito delle iniziative culturali estive organizzate dal gruppo locale del WWF Litorale laziale, avrà luogo una serata speciale, dal titolo “Conferenza suonata con il pianoforte”, condotta da Gianni Martucci. Conosciuto soprattutto come regista e sceneggiatore di film di successo negli anni ‘70 e ‘80, e successivamente passato alla produzione di documentari e audovisivi, Gianni Martucci, grande affabulatore, ha la musica nel DNA:  è nato infatti  in una famiglia di musicisti  e da sempre in tutto il suo percorso professionale è presente l’interesse per la musica e lo studio del pianoforte. Pur svolgendo lavoro diverso dal musicista, il poliedrico Gianni Martucci sostiene che l’attitudine musicale sia indispensabile per conferire “ritmo” a tutte le cose e sviluppare con esso la capacità di comunicazione estensibile ad ogni attività.

Martucci

Domenica 10 luglio una giovane fotografa terracinese, Claudia Di Veglia, presenterà un suo progetto fotografico realizzato tra gli stranieri presenti nella nostra capitale.

DiVeglia

13 luglio 2016 Giornata per il suolo

Il consumo di suolo nelle regioni italiane ha raggiunto il parossismo e per salvare la natura e le bellezze paesaggistiche d’Italia dalla progressiva cementificazione che le sta cancellando, il WWF, nell’ambito dell’Iniziativa “RiutilizziAMO l’Italia”, ha invitato tutti i cittadini ad aderire all’appello No al consumo di suolo, SÌ al riuso dell’Italia. Una sfida che punta alla riqualificazione delle aree e dei manufatti dismessi, disincentivando il consumo di nuovo territorio.

L’appello chiede l’introduzione di strumenti normativi e fiscali che consentano di ri-utilizzare prioritariamente aree abbandonate, dismesse o degradate. Questi strumenti potranno favorire, grazie alla partecipazione dei cittadini e alla collaborazione tra le diverse Amministrazioni pubbliche, il raggiungimento dell’obiettivo del cosiddetto “Bilancio consumo di Suolo: Zero” (che può anche prevedere l’eventuale occupazione di nuovi suoli, solo se vincolata al recupero naturalistico di altre aree definite in un’ottica sovralocale e senza effetti di aumento speculativo degli standard urbanistici).
L’espansione urbanistica a “macchia d’olio” va immediatamente bloccata: il perimetro urbano deve essere contenuto e delimitato, preservando così nel contempo il valore della città e della campagna.

Per evitare che il territorio diventi un’immensa, ininterrotta periferia sub-urbana di nuclei dispersi di scarsa qualità edilizia e senza servizi, che soffocano la natura e deturpano il paesaggio. Riutilizzare l’Italia sarà possibile se crescerà il numero e l’impegno delle Amministrazioni pubbliche consapevoli del loro ruolo essenziale nel governo sostenibile del territorio.

Ora la Commissione Europea, Aissa, Dipse, Cia, Confagricoltura, Copagri, Conaf, LEGAMBIENTE, Slow Food e Forum Salviamo il Paesaggio hanno organizzato una manifestazione interamente dedicata al suolo che si svolgerà a Roma nella Casa dell’Architettura in Piazza M. Fanti, 47. Ci saranno spazi di approfondimento scientifico, dibattiti e tavole rotonde che permetteranno di discutere dell’importanza del suolo e della sua tutela, spettacoli teatrali e musicali, laboratori didattici per bambini, giovani e adulti, degustazioni di prodotti della terra.
Con l’occasione sarà presentata l’edizione 2016 del Rapporto sul consumo di suolo in Italia, a cura di ISPRA e del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente, con i nuovi dati sullo stato del territorio e sulle conseguenze che la continua cementificazione comporta per il nostro Paese e per il benessere di chi ci vive.

Ecco il programma della Giornata per il suolo programma_A4_30_06 (1)

 

Calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti, un decreto lo rende uniforme in tutto il Paese

Il 26 maggio 2016 il ministro dell’Ambiente Galletti ha emanato un decreto per rendere omogeneo su tutto il territorio nazionale il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani e assimilati.

Il decreto, pubblicato il 24 giugno sul n.146 della Serie Generale della Gazzetta Ufficiale, mette in campo, per la prima volta, delle linee guida nazionali per il calcolo della raccolta differenziata dei rifiuti urbani e assimilati che dovranno essere seguite da tutte le Regioni.

L’applicazione del decreto permetterà un confronto obiettivo tra i diversi ambiti territoriali anche per una più coerente e giusta applicazione deIle imposizioni comunali dipendenti dalle percentuali di raccolta raggiunte e verificate dagli Enti superiori.

Sarà possibile considerare anche il compostaggio domestico nella raccolta differenziata e di inserire nel calcolo tutti i rifiuti che sono conferiti nelle isole ecologiche. Ciò da una parte incentiva il compostaggio domestico e di comunità ma dall’altra obbliga le amministrazioni comunali a disciplinare con proprie delibere queste attività per garantirne il controllo pubblico.

«L’Italia della raccolta differenziata – afferma il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti – viaggia ancora a diverse velocità, anche a causa della confusione generata da strumenti di calcolo differenti da una Regione all’altra, cui segue un’ovvia difficoltà nel rendere omogenea l’applicazione del tributo. Queste linee guida nazionali sono funzionali a portare tutto il nostro Paese verso l’economia circolare, adeguandolo agli standard europei di differenziata e superando la realtà delle discariche in cui purtroppo va ancora gran parte dei rifiuti nazionali».

La nuova amministrazione terracinese dovrà quindi attivarsi in tal senso ma soprattutto dovrà organizzare tramite l’azienda che realizza il servizio in città il controllo della qualità dei materiali differenziati. Una raccolta differenziata al 70% che non specifichi la fascia in cui si pongono i materiali ai fini del corrispettivo CONAI non garantisce una pari percentuale di materiali avviati al riciclo.  

Gli allegati tecnici dell’Accordo ANCI-CONAI oltre a indicare le fasce di qualità dei materiali che danno luogo a corrispettivi decrescenti per i Comuni convenzionati presentano le percentuali massime di impurità presenti nei materiali differenziati (tabella sottostante) oltre le quali non si ha diritto ai corrispettivi (i materiali stessi andranno a smaltimento- alcuni addirittura negli inceneritori- e non a riciclo).

Acciaio Alluminio Carta Legno Vetro Plastica
Impurità oltre 20% 15% 10% 5% 8% dal 10 al 22%

(a seconda dei flussi)

 

Sabato 2 luglio con l’Appia antica chiude alla Rimembranza la Settimana dei cammini

Il movimento lento su un percorso che ha millenni di storia alle spalle è stato utilizzato dal gruppo di Paolo Rumiz nella ricognizione dell’Appia antica effettuata nella primavera del 2015.

Guidato da Riccardo Carnovalini il gruppo ha camminato per 600 km riaprendo una strada che non veniva interamente percorsa da un paio di secoli.

Durante il cammino l’Appia in alcuni tratti ha mostrato con il basolato residuo, i monumenti costruiti lungo il suo percorso e le città raggiunte tutto il suo fascino mentre in altri è completamente scomparsa.

Alessandro Scillitani, il regista documentarista che faceva parte del gruppo, ha registrato tutte le fasi del viaggio e sabato alla Rimembranza presenterà il suo lavoro.

Appiaantica